Visita la Sicilia, a disposizione consulenza e professionalità, prova a contattarci …

Speciale-Sicilia-V03

CaseVacanze_V03

Vai a ReportageStorici

Militaria

PulsanteMilitaria - click sull'immagine per vedere gli annunci

maggio: 2020
L M M G V S D
« Ago    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Categorie

UNA SCONOSCIUTA PAGINA DI STORIA DI GUERRA

Nel visitare il cimitero inglese di guerra ( l’unico presente nell’area di Milano ), posizionato a lato del parco di Trenno, passeggiando tra le lapidi, il visitatore rimane colpito dalla presenza di una lapide con inciso due nomi di italiani. Nella logica inglese delle esequie, nel caso di impossibilità del riconoscimento formale, i corpi venivano sepolti con lapidi comuni, oppure affiancate nel caso di più persone coinvolte nel fatto, come per l’episodio che intendo raccontare.

Siamo tra il 11e il 12 settembre del ‘44, un aereo inglese precipita e l’intero equipaggio muore nell’incidente. Dalla posizione delle lapidi si ricostruisce le persone coinvolte. Il vero equipaggio dell’aereo risulta composta da 8 uomini appartenenti sia alla RAF che alla RCAF e RNZAF. A completamento erano trasportati: 1 capitano dei paracadutisti inglesi, 2 persone appartenenti all’esercito polacco ed, infine, 2 italiani. La lapide reca l’iscrizione: – Serg.All.Uff. di Complemento Voglino Guido Alessandro, da Milano, di anni 20; – Serg.All.Uff. di Complemento Marchiori Rodolfo, da Lendinara Rovigo, di anni 20; – Reparto Paracadutisti Corpo S.M.Esercito; – 11/12 settembre 1944; – Ardenti di amor patrio offrirono volontari la loro giovinezza in difesa degli ideali di giustizia e libertà insieme immolandosi nei cieli della gloria.

La lettura della lapide apre alla mente parecchi interrogativi: in quale missione erano impegnati? E poi, perché il gruppo dei paracadutisti, forse integrato anche dai 2 polacchi oltre che dall’ufficiale inglese, non ha potuto lanciarsi? Che tipo di aereo era quello coinvolto nella missione? Dove risulta avere avuto l’incidente? Purtroppo al momento sono domande che non hanno una risposta. Chi ha la possibilità o la disponibilità delle risposte, si faccia avanti, e verrà ospitato su queste colonne. Ad integrazione dell’articolo si vuole segnalare come nel cimitero inglese trovano sepoltura diversi caduti particolari: diversi Squadron Leader, un Wing Commander, alcuni appartenenti al S.A.S., alti ufficiali dell’esercito e, per ultima citazione, un sottotenente della Royal Navy imbarcato sulla portaerei Ark Royal, deceduto il 09/02/41.

Giorgio Dorati

 

Lapidi
Lapidi
Slide 7
Slide 7

Archivio fotografico: Giorgio Dorati
tutte le immagini sono protette da copyright